Bice: la mia vita e il mio lavoro (come agente immobiliare) a Minorca

Nome: Bice

Età: 28 anni

Città di nascita: TEANO

Città di residenza in Italia: MARZANO APPIO (PROVINCIA DI CASERTA)

Città di residenza attuale: MAHON (ISOLE BALEARI)

Studi: LAUREA IN LINGUE

Professione: agente immobiliare presso www.casasenmenorca.com

Quando e perchè hai deciso di trasferirti a Minorca?

In realtà è stato un po’ per caso. Dopo aver preso la Laurea in lingue nel marzo del 2015 non trovavo lavoro in Italia: mandai tantissimi curriculum, per diversi mesi, ma non ebbi mai una risposta nè un colloquio di lavoro. Il tempo passava, e ogni giorno portava con sè una crescente delusione. Un pomeriggio di gennaio del 2016 un’amica mi consigliò di provare a fare un periodo di pratica all’estero, per non perdere la lingua e poter poi aggiungere l’esperienza al curriculum: quella sera stessa decisi di contattare un’agenzia di Barcellona, che aiuta chi cerca lavoro ad inserirsi in un ambiente adatto al proprio profilo. Io scelsi di fare pratica nel settore alberghiero, e mi proposero diverse destinazioni in Spagna: Cordoba, Barcellona, Ibiza, Girona e Minorca. Tra queste cinque, quella che mi sembrava più interessante era proprio Minorca, la più sconosciuta isola delle Baleari, l’isola della calma e della natura. Così decisi per Minorca. Non saprei…fu come se l’isola mi stesse chiamando. Il processo di selezione fu un po’ lungo: feci colloqui in inglese e castigliano ed inviai curriculum a diverse imprese. Finalmante, lo scorso aprile mi dissero che un piccolo hotel di Mahon aveva accettato la mia proposta e che sarei finalmente partita per Minorca! E fu così che, con un pizzico di incertezza, il 29 giugno dello scorso anno partii per Minorca sola, senza sapere dove sarei andata, con chi avrei vissuto e cosa aspettarmi da questa avventura.

Quali furono le tue prime impressioni una volta atterrata sull’isola?

Ricordo che atterrando pensai “Ma dove sono finita”? Arrivai di notte e le strette stradine di Mahon mi sembravano un labirinto e per strada non c’era quasi nessuno, cosa che mi parve strana vista la stagione. Poi, con il passare dei giorni mi innamorai sempre più di Mahon e di Minorca, dei suoi angoli nascosti, delle spiagge e delle calette, ma soprattutto della sua tranquillità e della gente.

bice agente immobiliare casas en menorca

È stato difficile trovare lavoro a Minorca?

In realtà non l’ho trovato io, ma è stato il lavoro a trovare me. Durante i mesi di lavoro in hotel l’unica cosa a cui pensavo era che stavo vivendo un’esperienza meravigliosa e che avevo voglia di continuare a vivere sull’isola, cercando un lavoro diverso, che mi desse la possibilità di lavorare tutto l’anno e di conoscere l’isola durante la stagione invernale. Un giorno, poche settimane prima del mio previsto ritorno in Italia il proprietario dell’hotel mi parlò di Isabel Petrus, gerente di Casas en Menorca, e mi disse che stava cercando una ragazza italiana: l’estate precedente Isabel aveva avuto molti clienti italiani in agenzia, interessati ad acquistare una casa a Minorca, ed ora voleva investire in questo nuovo mercato, dando un servizio più completo e personalizzato ai suoi clienti. Mi trovai quindi nel posto giusto al momento giusto! Ho avuto moltissima fortuna, e ne sono grata ogni giorno.

Cos’è che più ti piace della vita sull’isola?

La natura, la tranquillità e la gente. Mi piace come l’isola cambi con ogni stagione e che offra moltissime possibilità per goderla appieno non solo in estate, ma anche in autunno o in primavera, come per esempio fare il Camí de Cavalls (un cammino storico costiero). A chi ama camminare e scoprire sempre luoghi incantevoli, come me i mesi più freschi sono ideali per percorrere i tantissimi sentieri che costellano l’isola e per fare trekking. La tranquillità dell’isola si riflette anche nelle persone che la abitano, sempre pronte a dare una mano. A Minorca vivono anche persone non native, che arrivano dalla Spagna e da altri paesi di lingua spagnola, ma anche dal resto d’Europa, come Francia, Italia, Inghilterra, e ciò offre la possibilità di incontrare e conoscere culture diverse, persone diverse da noi, e quindi imparare sempre qualcosa di nuovo da tutti.

Che cosa offre l’isola a parte mare e sole?

Minorca è un’isola meravigliosa, ed oltre alle splendide spiagge, tutte diverse l’una dall’altra: è la qualità della vita che sorprende. Si vive bene: le persone sono gentili e sempre pronte ad aiutare chi è in difficoltà. Per tutti quelli che sono alla ricerca di una vita tranquilla, Minorca è il luogo perfetto. Anche se molti giovani se ne vanno perchè l’isola “gli sta stretta” e alla fine si conoscono tutti, ma questo è anche il motivo per cui l’isola attrae molta gente: diventa un luogo dall’atmosfera familiare al 100%, dove la gente ti sorride anche senza conoscerti, e che anche avendo poco ti regala molto.

Come agente immobiliare specializzata nel mercato italiano, che tipo di proprietà sono le più richieste da questo tipo di clienti?

Gli italiani cercano soprattutto proprietà che siano vicino al mare, che abbiano pochi lavori di ristrutturazione da fare, non siano care e si trovino in posti belli, ovvero “la botte piena e la moglie ubriaca!”. Altri invece cercano appartamenti in complessi turistici o nei comuni, però in proporzione sono meno. I clienti italiani in generale sono molto esigenti e cercano sempre di negoziare il prezzo, cercano cose di qualità e buone offerte. Sono molto pochi i clienti che cercano una proprietà da ristrutturare, per esempio. Fino ad ora ho avuto molti clienti italiani, la maggior parte dei quali simpatici e gentili: tutti arrivano con una grande aspettativa, e io cerco di farli sentire sempre come “a casa”, cerco che si sentano comodi. Il nostro lavoro consiste nell’aiutarli a trovare la casa dei loro sogni, dove passare momenti indimenticabili con la famiglia, gli amici e godersi la tranquillità dell’isola.

Cosa credi sia la cosa che piace di più agli italiani di Minorca e perchè decidono di comprare casa qui?

Minorca è un piccolo paradiso in pieno Mar Mediterraneo, abbastanza grande per lasciarsi scoprire poco a poco, ma non troppo grande per perdervisi dove non occorre troppo tempo in auto per raggiungere le spiagge. Agli italiani piace avere tutto a portata di mano, ed inoltre amano molto sia le zone di mare che quelle di campagna e di città, apprezzano moltissimo la gentilezza degli isolani ed il fatto che Minorca sia un’isola tranquila estremamente pulita, praticamente senza pericoli di rapine o atti incivili.

Quali sono i requisiti per acquistare una casa a Minorca se si è residenti in Italia?

Innanzitutto è necessario avere il NIE, il numero che ci identifica come stranieri: un tramite che si deve eseguire negli uffici della Polizia Nazionale del comune in cui si intende comprare casa. Quando si tratta del NIE noi accompagnamo sempre i nostri clienti, li informiamo sui documenti che devono presentare e risolviamo qualunque dubbio possano avere o imprevisti che possono accadere. Oltre a ciò è necessario avere un conto corrente aperto in una banca spagnola, perchè la casa e le utenze avranno come riferimento il conto spagnolo. Anche in questo caso accompagnamo i clienti, spesso in diverse banche, presentando loro i direttori, perchè possano scegliere loro dove aprire il conto.

Di certo di ricorderai la tua prima vendita! Parlaci un po’ di questa esperienza

Certo che si! Mi pare fosse un pomeriggio di febbraio. Faceva freddo, ma c’era un bel sole: quel bel sole limpido che c’è qui a Minorca nei giorni d’inverno. Ero uscita per la prima volta con la mia collega Eva, che mi portava a vedere una casa da ristrutturare per un cliente italiano, un signore di Milano molto gentile. La casa cadeva a pezzi! Era completamente da ristrutturare, ma era splendida: una delle tipiche case di Mahon, con travi a vista e uno splendido giardino nella parte posteriore. Al cliente piacque tantissimo, tanto che si immaginò subito come sarebbe stata una volta terminata la ristrutturazione. Quindi, una volta usciti dalla casa ci recammo all’agenzia e fece un’offerta per l’acquisto!!!! Fu la mia prima vendita, e mi diede una grandissima felicità.

Hai incontrato molti italiani che vivono a Minoca?

Si, abbastanza. E sono tutti gentili e disponibili. La maggior parte degli italiani che conosco risiedono a Minorca già da diversi anni, hanno un’attività o lavorano nel settore turistico, sono proprietari di gelaterie, ristoranti o hotel.

Secondo te Minorca è un luogo ideale per vivere da pensionati?

Certo che si! In realtà l’isola è perfetta per ogni età perchè è la tranquillità che fa di Minorca un luogo in cui vivere quasi senza nessun problema. La delinquenza è praticamente nulla, le persone si sentono sicure, il costo della vita e le tasse sono inferiori rispetto all’Italia ed il clima è buono anche in inverno

Dicci un luogo di un piatto che gli italiani che vengono a Minorca non possono assolutamente perdersi.

Ci sono moltissimi luoghi con encanto a Minorca, non potrei sceglierne uno solo. Il Monte Toro è da vedere: è la montagna più alta dell’isola, da cui si gode un panorama unico di tutta Minorca. Però non si possono non vedere almeno una spiaggia del nord de una del sud, per ammirare i forti contrasti tra le due coste: al nord suggerisco Pregonda e Cavalleria, mentre al sud mi piacciono molto Mitjana/Mitjaneta e Macarella/Macarelleta. Tutte splendide e tutte diversissime. Imprescindibile una visita a Mahon, la capitale: io me ne sono innamorata, soprattutto del porto, il più grande d’Europa de il secondo più grande almondo !!! E poi mangiare le tapas al Mercato del pesce, o una buona fideuá, un piatto tipico di Minorca. Io lo scorso anno sono ingrassata 4kg in 4 mesi, però l’isola offre tutta se stessa per poter camminare e fare sport all’aperto. Da non perdere nemmeno Ciutadella e Pont d’en Gil; il paese di Fornells, dove mangiare un’ottima caldereta de langosta e Binibeca Vell, con le sue pittoresche casette bianche. I fari di Minorca, poi, sono impressionanti e tutti diversi: i miei preferiti sono Favaritx e Cavalleria!

La mail di Bice:

bice@casasenmenorca.com

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *